Facce di cubo

Qualche settimana fa, inaspettatamente, Lollo mi ha chiesto di comprargli il “Cubo di Rubik“, che non spiego cos’è perché lo sapranno anche gli acari della polvere. Tra “Fifa 2020 Odissea nel Campionato”, “L’impresa del cavaliere della rete metallica”, “Assassin te e tuo nonno” e vari videogames di concezione assurda e di contenuto discutibile, è apparso dunque questo oggetto colorato, trionfo del manualismo e vero must degli anni ’80. E avreste dovuto vedere il Lollo che, saggiamente unendo abilità pratica e aiuto mediatico, spulciava “You Tube” e quant’altro in cerca di filmati che mostrassero le tecniche più agili per arrivare a ricomporre le facciate del cubo. Un pomeriggio ci perse qualcosa come cinque ore ed era sulla buona strada per arrivare al completamento. Senonché, in un momento di stasi in cui il cubo giaceva abbandonato sul tavolo del soggiorno, è arrivato mio padre che al grido di “Ma che è sto coso?!”, si è messo a smucinarlo e lo ha scomposto tutto di nuovo. Ho faticosamente impedito che il pargolo fracassasse il coso sui cosi del nonno e ho pregato il bambino di 12 anni di mettersi da parte i suoi giochi invece di lasciarli in giro; e il bambino di 74 di farsi qualche volta una manciatina di cavoli suoi.

E così Lollo ha ricominciato, con meno entusiasmo, a ricomporre le facce del cubo, con l’aria di un Sisifo che comincia per l’ennesima volta l’eterna fatica con il dubbio dell’inutilità dell’impresa.

Ieri è venuto a scrocc ho offerto un caffè al Vicino di Casa, M. Esso è entrato in soggiorno mentre io andavo a mettere sul fuoco la moka. Questione di un paio di minuti: l’ho raggiunto e…indovinate? L’ho beccato con cubo in mano!

A.: oh no!

M.: (trasalendo) che c’è!?

A.: non mi dire che lo hai girato!

M.: (con l’aria del bimbo sorpreso con le dita nel vasetto di marmellata) eh…sì…ma solo cinque-sei volte!

A.: adesso chi lo sente Lollo. Già il nonno gliel’aveva combinata!

M.: (vilmente) digli che è stato tuo padre pure stavolta…

Avverto sadicamente Lollo che arriva infuriato.

M.: (mentendo spudoratamente) ma tanto…che ci vuole! Te lo rimetto subito com’era prima, anzi, te lo completo proprio! Questo (aggiunge con aria saccente) è un gioco dei miei tempi. Si chiama “IL DADO DI CUBIC”!!! (  😦 )

Dopo vani tentativi, M. sbotta:

M.: sto coso non funziona! Dovete comprare quello originale, questo è tarocco!

A.:per la cronaca, quello E’ l’originale, con tanto di marchio CE, comprato in un negozio di giocattoli e non da un ambulante.

M.: allora è rotto! Guarda…se giro questo, quest’altro non gira e allora come si fa a comporre i colori?

(per lui l’ideale sarebbe stato che OGNI CUBETTO girasse autonomamente).

Gli levo il gioco dalle mani. Lollo contempla, truce, lo scempio perpetrato al suo lavoro.

M.: e’ che io non ci sono portato. E’ come per l’elettronica, per il computer…ho una specie di idiosincrasia che…

Lollo furibondo lo interrompe:

L.: tu non ha un’idiosincrasia! Tu sei IDIOTA e basta!

Lo so, avrei dovuto rimproverarlo per la mancanza di rispetto ad un adulto. Ma mi è venuto da ridere… 🙂

Annunci

38 thoughts on “Facce di cubo

  1. Io ho comprato il cubo proprio in quei famosi anni 80 quando è uscito e non nascondo che dopo poco tempo ho comprato anche il libricino dove si spiega come risolverlo, lo dovrei avere ancora da qualche parte! In bocca al lupo a tuo figlio e digli di metterlo in un posto sicuro la prossima volta!
    baci
    daisi

  2. Quel piccolo pargolo si avvicina ogni giorno di più a diventare il mio idolo.
    Abbiamo troppo in comune!

    Quanto tempo che non commentavo!
    Bello esser tornato fra gli alianorah-seguaci!

    Nick

  3. Mi hai fatto venire voglia di andare in soffitta a cercare il mio vecchio “DADO DI CUBIC” e rimetterci mano (non credo di averlo mai completato).
    Spero solo che nessun vecchietto e nessun vicino scroccone vengano a “disturbare” il mio lavoro… 😉

    Un caro saluto!!!
    salpetti

  4. ricordo ancora l’accanimento con cui cercavo di combinare le facce del mio cubo di Rubick che infine, a forza di girare e rigirare, miseramente si ruppe 😦 ( in compenso però ero già riuscita, non so come, a comporlo due volte)

  5. Pensavo proprio che tra tutti i videogiochi e le playstation che vanno adesso il Cubo non avesse più posto. Mi fa piacere che giri ancora, anche se non sono mai riuscita a completarlo. Spero che Lollo abbia miglior sorte (se glielo lasciano stare ‘sto cubo) e, in ogni caso, è un grande!!!

  6. Io invece ho trovato due metodi per fare il Cubo in meno di un minuto. Passami Lollo che glielo insegno.
    1° metodo – Ah, Lo, sfascia le tesserine (si può fare) e rimetti tutte quelle dello stesso colore sulla stessa faccia.
    2° metodo – Se le tesserine sono colorate tramite quadratini adesivi, li scolli e li rincolli idem come sopra.
    Aliah, fammi sapere con quali parole Lollo mi ha mandato affa….

  7. L’ho sempre detto, io, che Lollo è un genio! E la genialità, si sa, risalta vieppiù e rifulge come il sole se messa a confronto con bambacioni assoluti come M.!
    Tre urrà per Lollo! Se lo rimproveri, chiamiamo il Telefono Azzurro!
    gatta susanna

  8. @Daisi: io non ho MAI provato a farlo!
    @IlFog: bentornato, Niko.
    @Violetta: senz’altro!
    @Salpetti: fammi sapere l’esito del tentativo.
    @Daniele: l’ho frenato a stento.
    @Skip: molti cubi fanno quella triste fine…
    @Cincia: ogni tanto c’è un ritorno dei giochi classici.
    @Renata: si fa sempre in tempo!
    @Guisito: contaci!
    @Susanna: non te la prendere ma cambierò l’appellativo che usi per il vicino di casa, che è comunque una persona simpatica, anche se a volte lo prenderei a badilate. Modifico l’appellativo che usi nel commento non per censurare te ma perché, come mi ha fatto notare qualcuno che non nomino, non è carino insultare qualcuno che non può rispondere. E spero tu non voglia chiamare Telefono Azzurro (o Rosa), oltre che per Lollo, pure per te… 😉 Baci.

  9. ma che rimproverarlo…ha fatto bene!

    la mia nipotina “paracula” (si può dire?) ha staccato tutte le tesserine e le ha rimesse per benino…come suggerisce Fulvia!

  10. ohi…che risateeeeeeeee…
    il video di youtube che deve cercare lollo…è quello di una puntata di “camera caffè” dove paolo….
    mette in pratica la tecnica del stacca-riattacca le tesserine colorate…fino a completare il DADO DI CUBIC!!!!
    AHAHAHAHAHAH……
    ma con sto…DADO…ci viene bene…la minestra???
    ahahahaha……ihihihihi…..

  11. mi è venuto in mente, che qualche tempo fà girava un filmato dove un tipo lo studiava bene poi si copriva gli occhi e in meno di un minuto ricomponeva tutte le faccie appaiate. 🙂

  12. Il cubo di Rubik…
    Sì, c’è un metodo per ricomporlo in pochi minuti (negli anni ’80 lo conoscevo, ora l’ho dimenticato).
    Ma dopo che lo si è imparato ci si stufa perché diventa troppo facile.

  13. Mi hai ricordato che un paio di anni fa ci si mise mio figlio. Il nostro DADO, però, era palesemente tarocco, il che (non so se) influì sul fatto che riuscì a completare una facciata in poco tempo. Ovviamente l’avventura finì lì, anche perchè il ragazzo non ha il dono della perseveranza. 🙂

    ps. Al vicino avrei versato il caffè bollente addosso. 🙂

  14. @GaMa: volendo…
    @Lario: dici che può già candidarsi?
    @Fulvia; Dedy: glielo suggerirò.
    @Huila: sì; una minestra multicolore.
    @Nadir: sì, è stato anche in tv.
    @Fanky: le cose troppo facili non sono divertenti. Grazie per la visita!
    @Susanna: è una versione dialettale di “bamboccioni”. 🙂
    @NessunNome: troppo elaborato. Mi sono limitata a ridere.
    @Nota: una facciata non è difficile. E’ comporle tutte che è una cosa scientifica. E io ho sempre amato la letteratura.
    @Oscar: para-vero!
    @Guady: devo pensare a un brevetto…
    @Bruno: non è mai troppo tardi.
    @Pibua: mai provato, io.

  15. Sincerità e genialità sono doti che vanno preziosamente coltivate, non tarpate 😉
    Comunque mi alleno per quando lo incontrerò 😀

    Buon weekend a entrambi, un abbraccio

  16. Pingback: Poker d’assi « Alianorah…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...